Made in Italy Home
Posted in Arte
23/05 2016

L’installazione di Bruce Munro, Field of Light Uluru a Ayers Rock Resort

Il famoso artista, riconosciuto a livello internazionale, Bruce Munro, Field of Light, si è aperta il 1 ° aprile a Ayers Rock Resort nel cuore spirituale dell’Australia.

In linea con vastità del deserto, questo è il più grande lavoro di Munro fino ad oggi, infatti più di 50.000 steli coronati da sfere in vetro smerigliato occupano una superficie delle dimensioni di quattro campi da calcio. È anche il primo lavoro dell’artista a ricorrere all’energia solare per essere illuminato. Le sfere, collegate tramite fibra ottica luminosa, fioriranno nel buio. Percorsi creati da questi steli attireranno gli spettatori all’interno dell’installazione, che prenderà vita sotto un cielo brillante di stelle.

L’artista britannico Bruce Munro è meglio conosciuto per la produzione di installazioni luminose poste alla base di monumenti, che spesso impiegano migliaia di componenti.

La materia oggetto di Munro è la propria esperienza fatta di fugaci momenti di rapporto con il mondo e l’esistenza nel suo senso più ampio, ovvero essere parte del motivo essenziale della vita. Il suo motivo ricorrente è l’uso di luce su scala ambientale per creare una risposta emotiva per lo spettatore.

Munro ha concepito l’idea per Field of Light durante la visita a Uluru nel 1992, ma non è stato in grado di realizzarla fino al 2004 , anno in cui la crea per Victoria & Albert Museum di Londra, seguita da una installazione più grande in un campo dietro casa sua. Field of Light ha conquistato i suoi visitatori in diverse installazioni sparse per tutto il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Messico.

Field of Light è stata una idea che ha preso forma sul mio blocco da disegno e che continuava a insistere per essere realizzata”, ha dichiarato Munro. “Ho visto nella mia mente un paesaggio di steli luminosi che, come semi dormienti in un deserto secco, tranquillamente attendono che scenda il buio, sotto una coperta di stelle brillanti del sud, per fiorire con dolci ritmi luce.”

Field of Light è un simbolo personale per le cose belle della vita.”
“Ora ho l’onore e il privilegio di ritornare a creare una iterazione di questa illustrazione per il luogo che la ha ispirata. Un lavoro concepito nel deserto rosso torna al suo luogo di nascita che scaturisce dal terreno secco” continua Munro.

La mostra, giustamente intitolato Tili Wiru Tjuta Nyakunytjaku o ‘guardando tante belle luci’ in Pitjantjatjara, sarà visibile per un anno intero durante le diverse stagioni del deserto, e si chiuderà il 31 marzo 2017.

Bruce Munro è noto per le sue coinvolgenti installazioni site-specific che utilizzano la luce per evocare una risposta emotiva. Nato a Londra nel 1959, ha completato un B.A. in Belle Arti a Bristol nel 1982. Poco dopo si trasferisce a Sydney, città in cui trova lavoro nel campo del design e dell’illuminazione, ispirato dalla luce naturale dell’Australia e dal paesaggio. Tornato in Inghilterra nel 1992. Il suo lavoro è stato esposto al Victoria & Albert Museum, Londra; Waddesdon Manor, la Collezione Rothschild, Buckinghamshire, e il Guggenheim Museum, New York.

 

COMMENTI DEGLI UTENTI

Non ci sono commenti relativi a questo articolo