Made in Italy Home
Posted in Comunicazioni
3/11 2016

Il lavoro del lighting designer Francesca Smiraglia per migliorare il vivere quotidiano

Il supporto del Lighting Designer e l’importanza di una buona progettazione illuminotecnica per migliorare gli spazi del vivere quotidiano secondo l’aspetto funzionale e quello emozionale in termini di qualità e quantità.

Nuova luce per un piccolo appartamento: un piccolo intervento del lighting designer Francesca Smiraglia per colmare l’assenza di luce Naturale.

La casa di un uomo è il proprio castello.
Così la pensava Edward Coke e la lighting designer Francesca Smiraglia segue questa idea riuscendo, con il suo lavoro, a realizzare ambienti in cui la luce migliora gli spazi, rendendo questi confortevoli, adatti alle esigenze dei suoi committenti e in questo caso specifico una giovane coppia.

Si sa bene che la realizzazione della propria casa, soprattutto per la cultura italiana, rappresenta certamente una delle fasi più importanti della vita di ogni persona. La casa è per l’uomo il luogo dell’identità personale, delle relazioni, del riparo: è lo spazio primo e ultimo dell’abitare.

La fase di progettazione degli spazi domestici è spesso soggettiva e personale: ognuno di noi pone delle premesse per cui ogni ambiente possa diventare un luogo da abitare nel tempo e in modo continuato senza per questo sottovalutare le dimensioni “materiali” (tecniche, funzionali, estetiche, etc.) che diventano strumenti e necessità per definire il luogo dove “stare”.

È il caso di un appartamento di medie dimensioni di una giovane coppia, un trilocale che è stato ristrutturato secondo le loro esigenze, idee e gusti.

Trattandosi di una ristrutturazione, come spesso accade, ci sono dei vincoli architettonici e strutturali che non è possibile modificare e uno degli aspetti più problematici era quello legato al basso contributo di luce naturale.

Francesca Smiraglia ha concentrato per l’area soggiorno-cucina l’attività progettuale: per sopperire alla mancanza di luce naturale, la luce artificiale è stata pensata per essere dinamica grazie a differenti performance e livelli di illuminamento a seconda delle necessità e funzioni che lo spazio assume durante la giornata, utilizzando sorgenti e apparecchi a LED di ultima generazione.

I presupposti iniziali del lighting plan consistevano nel definire due tipologie di illuminazione, una diffusa e omogenea, l’altra diretta e concentrata, entrambe “modellate” entro delle gole, ovvero “lame di luce”: l’idea infatti è stata quella di realizzare dei tagli geometrici nel controsoffitto simili per andamento e composizione formale agli arredi scelti dalla committenza.

Per ottenere luce diffusa entro ogni taglio sono state utilizzate delle Strip LED flessibili alloggiate entro i bordi perimetrali interni. Le sorgenti LED sono state rivolte verso l’alto in modo tale da rendere le gole ben illuminate e ricavare, in tal maniera, per riflesso una buona illuminazione omogenea; la luce più diretta e concentrata è stata invece inserita per marcare e definire le aree dedicate a determinate funzioni, come l’ingresso, il tavolino dell’area soggiorno e l’isola colazione. In questo caso all’interno dei tagli sono stati inseriti dei piccoli spot posizionati in maniera più arretrata rispetto al bordo esterno del controsoffitto per evitare di intercettare visivamente gli spot e quindi nascondere la fonte luminosa. Per il tavolo da pranzo è stato realizzato uno chandelier su disegno costituito da profili lineari sospesi. Per facilitare e creare ambientazioni che migliorino l’ambiente tutti i comandi di accensione sono gestiti da un impianto domotico.

Il supporto del lighting designer, insieme alla buona progettazione illuminotecnica, si è rivelata utile e fondamentale per migliorare gli spazi del vivere quotidiano seguendo sia l’aspetto funzionale sia l’aspetto emozionale qualitativamente e quantitativamente

Attraverso un Bugdet contenuto è stato creato dal Lighting Designer Francesca Smiraglia un’ottima soluzione illuminotecnica e domotica, vicina alle esigenze della, in questo caso, giovane committenza per rendere la propria casa, il proprio posto nel mondo, confortevole e speciale.

 

Photo by Federico Villa

Appartamento sito in Magenta (MI)

 

COMMENTI DEGLI UTENTI

Non ci sono commenti relativi a questo articolo