Made in Italy Home
23/01 2012

PROGETTARE IL PROGETTISTA

Luceonline, come unico portale culturale bilingue, espressione del made in Italy aderisce all’iniziativa

PROGETTARE IL PROGETTISTA dell’Associazione professionisti dell’illuminazione APIL
“La professione di lighting designer: presente e futuro; aspettative e prospettive”

Appuntamento a Milano, 5 marzo 2012

Da anni ormai, è vivo il dibattito su cosa si debba intendere per progettazione della luce, e su quale debba essere il profilo e l’inquadramento della figura professionale ad essa dedicata.

Nonostante ci sia stata, negli ultimi tempi, una accelerazione del dibattito, dovuta soprattutto alla velocità di comunicazione consentita dal web, siamo purtroppo ancora lontani da una definizione condivisa dei punti fondamentali che animano la discussione. Questa, peraltro, è rimasta per lo più confinata nell’ambito ristretto degli addetti ai lavori, e difficilmente ha coinvolto le figure dei fruitori, che maggiormente dovrebbero invece essere interessate all’argomento.

Per questo motivo, APIL ha indetto per il prossimo 5 marzo 2012 una giornata di approfondimento, alla quale sono invitate tutte le realtà associative di chi professionalmente si occupa di progettazione della luce.

L’idea non è tanto quella di fare l’ennesimo, inutile, punto della situazione, quanto piuttosto quella, più operativa, di evidenziare i tratti fondamentali della visione di ciascuno degli attori, sottolineandone divergenze e punti di contatto, con l’obiettivo di lavorare su questi ultimi per individuare le azioni comuni che possano essere intraprese.

All’evento verrà data la maggiore risonanza possibile, prima durante e dopo il suo svolgimento; ne verranno pubblicati immediatamente gli atti, che saranno diffusi in modo capillare, con l’obiettivo di raggiungere proprio gli attori più inconsapevoli, coinvolti come fruitori della attività di progettazione della luce, ma tradizionalmente estranei alla cerchia degli addetti ai lavori.

Oltre alla sezione istituzionale, ad inviti, l’iniziativa prevede una sezione aperta al contributo di tutti, per la quale è aperta questa Call for Papers.

Gli autori interessati a partecipare con un proprio contributo, sono invitati ad inviare la propria adesione tramite mail, entro il 31 gennaio 2012, all’indirizzo apil@federlegnoarredo.it, indicando nome, cognome, attività svolta, indirizzo mail ed un recapito telefonico.

Il testo del contributo, di lunghezza non superiore a due cartelle (circa 7000 caratteri), dovrà essere inviato allo stesso indirizzo (apil@federlegnoarredo.it) entro il 13 febbraio 2012.

I contributi saranno selezionati dal comitato organizzatore della manifestazione. Quelli ritenuti più significativi saranno inclusi nel programma della manifestazione, nella sezione ad essi riservata, con interventi dei relatori della durata di circa 10 minuti.

Bozza di programma
“PROGETTARE IL PROGETTISTA
La professione di lighting designer: presente e futuro; aspettative e prospettive”

L’iniziativa si svolgerà presso la sede dell’Apil, a Milano, Foro Buonaparte 65, nella giornata di lunedì 5 marzo 2012, con orario dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00.

* Lo svolgimento è previsto in due fasi. Nella prima fase, sono previsti gli interventi istituzionali, da parte dei rappresentati delle associazioni invitate. Si prevedono un totale di 10-12 interventi di 20 minuti circa.
* La seconda parte ospiterà gli interventi dei relatori selezionati, fra quelli che hanno aderito alla Call for Papers. La durata di ciascun intervento sarà di circa 10 minuti.
* A chiusura della giornata, verrà aperto infine un dibattito aperto a tutti i presenti.
* Obiettivo fondamentale della giornata, è quello di arrivare a definire pochi punti comuni, condivisi da tutta la comunità che si occupa di progettazione della luce, sui quali avviare eventuali iniziative comuni.
* Per accentuare l’aspetto operativo e non autoreferenziale della iniziativa, verrà stabilito un format omogeneo per gli interventi. In particolare, pur lasciandogli la totale libertà di strutturare il proprio intervento, ad ogni relatore verrà chiesto di tracciare con chiarezza i tratti fondamentali che distinguono la propria associazione (se egli parla in rappresentanza di una realtà associativa) o la propria attività (se parla a titolo personale), e di individuare un numero limitato di punti che egli ritenga prioritari per il raggiungimento di degli obiettivi proposti.
* Ciascun relatore presenterà un contributo scritto, con le modalità che gli verranno comunicate con adeguato anticipo, che servirà per la pubblicazione degli atti.
* Gli atti della giornata verranno pubblicati e resi disponibili per il download sul sito dell’Apil. Inoltre, ad essi verrà data la massima diffusione con qualsiasi mezzo, soprattutto presso gli interlocutori non professionali potenzialmente interessati all’argomento.

 

COMMENTI DEGLI UTENTI

Non ci sono commenti relativi a questo articolo